Guida ai Permalink WordPress

La piattaforma CMS WordPress ha consentito a milioni di persone di sviluppare un proprio sito personale o azinedale senza conoscenze di programmazione e di html.

Con WordPress, ciascuno √® libero di personalizzare in tutto e per tutto il proprio sito web e, pur senza competenze in materia SEO, di trovarsi indicizzato nelle SERP di Google. Una delle caratteristiche che ha reso¬†WP, soprattutto all’inizio, cos√¨ performante sotto il profilo dell’indicizzazione ( leggi :Domanda SEO: Google ama WordPress?¬†)¬†√® proprio la funzione di riscrittura degli URL delle pagine con i “Pretty Permalink“.

Cosa sono i Permalink?

Tutte le pagine web hanno un URL(¬†unique Uniform Resource Locator¬†) che viene digitato (direttamente o indirettamente) dagli utenti nella barra di navigazione del proprio browser per raggiungere la pagina sul web. Gli URL delle pagine hanno formati molto vari, ma il “pattern” presente nel 99% dei casi contiene¬†il nome del dominio e la sua estensione¬†( ad esempio softrade.it), poi uno “slash” ( / ) e poi uno specifico URL che identifica univocamente la risorsa all’interno del dominio.¬†L’ URL √® anche chiamato¬†“permalink”.

Come implicito nel termine, un permalink √® un link permanente che si riferisce ad una specifica risorsa ( pagina) presente sulla rete, all’interno del dominio. Il concetto di “Link permanente” √® molto importante da comprendere: in realt√† non √® vero che non si possa modificare nel tempo un URL, √® per√≤ vero che il farlo comporta seri problemi e pu√≤ causare una perdita di traffico guadagnato nel tempo. Questo perch√® se la pagina √® stata linkata da altri siti o entra nelle pagine delle ricerche di Google, essa √® riconosciuta ed √® raggiungibile¬†con un determinato URL, quello originario esistente al momento dell’indicizzazione della pagina o della pubblicazione del link verso di essa da parte di un altro sito.
Se l’URL viene modificato rende di fatto il link “rotto” e la risposta sar√† una “pagina non trovata”, per questo √® molto importante determinare bene il permalink alla pubblicazione e lasciarlo stabile nel tempo, in questo modo potr√† raccogliere tutti i link in entrata ¬†e mantenersi e migliorare nel posizionamento in SERP.

Vi sono tecniche per modificare gli URL delle pagine senza perdere il posizionamento e i link, ma le affronteremo in altri articoli.

L’uso di linguaggi di programmazione dinamici (come PHP¬†o C# ) ¬†rende possibile l’utilizzo di variabili nelll’URL come vedremo in seguito e ci√≤ rende consente¬†la creazione di URL complessi, utili ai fini delle funzionalit√† della pagina ma molto poco “friendly” sia per un utente che per Google stesso.¬†Come detto WordPress (ma anche¬†altri CMS) rende possibile la creazione di link pi√Ļ leggibili che sono conosciuti come “pretty URLS” o “pretty permalink” ¬†per le sue pagine in modo da renderli¬†SEO-friendly e USER-friendly.

La struttura di default dei permalink di un’installazione wordpress √® la seguente:

[label style=”1″]https://dev.softrade.it.com/?p=N (dove N¬†√® un numero)[/label]

Ovviamente questa struttura non √® molto attraente e non dice nulla riguardo al contenuto della pagina. Da utente √® preferibile visualizzare un URL pi√Ļ interessante del tipo:

[label style=”1″]https://dev.softrade.it/quale-la-differenza-fra-jpg-png/[/label]

che ci dice gi√† molto riguardo il contenuto che troveremo..con wordpress √® possibile modificare la struttura dei permalink in vari modi…

Scegliere la struttura dei permalink WP

Nella dashboard di amministrazione usate il link nel menu di sinistra Impostazioni > Permalink. Qui potete vedere le varie possibilità di modifica della struttura dei permalink.

Alcuni esempi:

[label style=”1″]https://dev.softrade.it/2016/10/28/post-title/ [/label] ‚ÄstQuesta struttura rappresenta una struttura gerarchica basata sulle date

[label style=”1″]https://dev.softrade.it/1234/post-title/ [/label] ‚ÄstQuesta struttura riporta l’ID dell’articolo nell’url e pu√≤ essere ritenuta vantaggiosa in termini di prestazioni perch√® consente query pi√Ļ rapide basate sulla colonna ID del database che √® un indice primario. √® consigliabile per siti / blog con molte migliaia di articoli

[label style=”1″]https://dev.softrade.it/sport/post-title/ [/label] -Questa struttura riporta la categoria di appartenenza del post all’interno dell’URL, pu√≤ essere utile in siti di grandi dimensioni ma pu√≤ provocare contenuti duplicati e quindi va usata con attenzione

Quale struttura dei permalink utilizzare in un sito web?

  • Mantieni il permalink pi√Ļ semplice possibile. usando %postname% questo √® praticamente garantito.¬†Esempio: https://dev.softrade.it/plugin-wordpress
  • La lingua italiana fa largo uso di preposizioni e articoli, questi si posssono tranquillamente escludere dall’url . per modificare il permalink attribuito di default da WP al post √® sufficiente clicccare su “modifica” in alto accanto al permalink generato e modificarlo poi cliccare su “ok”. Importante sostituire gli spazi vuoti con il dash (-) e non usare caratteri speciali.modifica-permalink-worpress
  • Abituati a utilizzare keyword rilevanti che migliorano le performance SEO delle tue pagine.

L’uso dei¬†permalink pu√≤ migliorare le performance¬†SEO?

Assolutamente si, come detto in precedenza l’utilizzo dei “pretty URL” √® una feature molto importante di WordPress che ne ha decretato il successo fin dall’esordio. I motori di ricerca ( google su tutti ovviamente ) utilizzano algoritmi¬†per determinare la rilevanza e la qualit√† della pagina in relazione alle chiavi di ricerca. l’URL della pagina rientra fra i fattori pi√Ļ importanti per un buon posizionamento e di conseguenza l’uso di buoni permalink pu√≤ fare realmente la differenza¬†nel ranking della pagina stessa. Anche l’utente pu√≤ trovare pi√Ļ naturale cliccare su una pagina con un permalink esplicativo piuttosto che su uno in cui i parametri non sono semanticamente rilevanti.

Le strutture dei Permalink in WordPress

La struttura dei permalink viene determinata con un pattern ben specifico ( modificabile condizionalmente attraverso funzioni evolute lato codice  o plugin) nella pagina Impostazioni > Permalink
Ecco alcune permalink structures che si possono utilizzare

  • %year% ‚Äď anno (2016)
  • %monthnum% ‚Äď mese¬†(10)
  • %day% ‚Äď giorno¬†(Friday)
  • %hour% ‚Äď ora¬†(12)
  • %minute% -minuti (25)
  • %second% ‚Äď secondi¬†(35)
  • %post_id% ‚Äď ¬†ID del¬†post (120)
  • %postname% ‚Äď titolo del post¬†(‚ÄúMappa delle web agency italiane‚ÄĚ diventa¬†‚Äú/mappa-delle-web-agency-italiane/‚ÄĚ)
  • %category% ‚ÄstNome della categoria
  • %author% ‚Ästautore

Personalmente consiglio di utilizzare una struttura di permalink fondata su [label style=”2″]%postname%[/label] o in alternativa¬†[label style=”2″]%postname%/%post_id%[/label]¬†per migliorare le prestazioni del caricamento per siti di grandi dimensioni. Anche possibile¬†[label style=”2″]%post_id%/%postname%[/label] ma √® mia opinione che mantenere le keywords pi√Ļ vicine alla radice del dominio ( dopo il primo slash [/]¬†) dia migliori garanzie sotto il profilo SEO

2016-12-22T14:11:57+00:00

Leave A Comment